Vendita di auto usate: è boom di truffe online

La Commissione giuridica FIA per la tutela dei consumatori ha lanciato l’allarme: è un vero e proprio boom delle truffe on-line nella vendita di auto usate. Auto rubate e rivendute, vetture che non corrispondono alla descrizione, veicoli che sono stati abilmente contraffatti e messi sul mercato attraverso i siti internet dedicati alla compravendita di auto nuove e usate. L’allarme è stato lanciato alla Conference Week”, quattro giorni dedicati al mondo dell’auto e della mobilità globale, con oltre 350 delegati in rappresentanza degli automobilisti dei cinque Continenti.

La possibile soluzione potrebbe essere il sistema di tracciatura per le auto usate, soprattutto per quelle vendute on-line. Occhio quindi alla manutenzione, con annotazione del chilometraggio e ogni intervento meccanico, che varia dal cambio dei pneumatici, alle riparazioni del motore e della carrozzeria. Il sistema è stato sperimentato in Belgio, e con ottimi risultati.

Nel frattempo Bakeca.it (che ha un team che lavora costantemente sulla qualità degli annunci evitando che i nostri utenti siano truffati) consiglia a tutti di seguire delle piccole regole base. Alle volte, per non rimanere vittima di una truffa, basta avere solo un pizzico di buonsenso.

Scrivere un curriculum: le 10 capacità che fanno la differenza

La domanda che molti si pongono nella redazione di un CV è spesso la stessa: quali sono competenze più cercate della maggior parte dei selezionatori e dei recruiter?


ProfessionalBlog ne individua 10, definendole “il basic di ogni tipo di professione”, sia per chi si affaccia, dopo il diploma o l’università, al mercato del lavoro sia per chi sta pensando di cambiare posto.


Ecco le 10 capacità (Skills) che contano davvero:

  • capacità di comunicare
  • capacità di fare team
  • abilità di leadership
  • capacità di problem solving
  • competenze tecniche nel campo specifico
  • motivazione
  • spirito di iniziativa
  • affidabilità, flessibilità
  • ambizione
  • capacità di lavorare sotto pressione


Ecco perché per aumentare l’opportunità di essere chiamati per il colloquio è necessario puntare su questi punti, sia nel CV che nella  lettera di presentazione.


Ma soprattutto, se si ha già sulle spalle una o più esperienze di lavoro è fondamentale dire come quelle esperienze hanno formato una o più di queste capacità e come esse possono essere applicate al nuovo lavoro per cui ci si candida.


Leggi anche:

Auto e moto d’epoca in mostra a Bologna

In Emilia Romagna la passione per le automobili e le motociclette è molto forte e radicata. In questa regione hanno sede alcune delle case costruttrici più importanti e famose al mondo per le due e le quattro ruote: Ferrari, Maserati, Lamborghini, Ducati, Bimota, Morini, Malaguti, per citare solo le più blasonate. Non è quindi un caso che Bologna sia la sede storica del Motorshow; come non è un caso che il capoluogo emiliano ospiti l’evento dal titolo “Bologna Auto & Moto”, dedicato principalmente ai mezzi d’epoca.

L’appuntamento è al Palanord (via Stalingrado, 81 area Parconord) sabato 22 (ore 9-18) e domenica 23 maggio (ore 9-17).

Oltre alla parte espositiva di automobili e motociclette storiche, che rappresenta sicuramente il punto di forza dell’evento, molto interessante per tutti gli appassionati del settore è l’ampia sezione dedicata ai pezzi di ricambi, accessori, documentazioni tecniche, articoli sempre più rari da recuperare. Inoltre, ci saranno anche espositori con rarità cartacee (foto, poster, libri, ecc.) riguardanti le gare e gli aneddoti dei grandi piloti e delle varie case automobilistiche.

Infine un settore dell’evento sarà interamente dedicato al modellismo statico e dinamico con riproduzioni in scala perfette e curate nei minimi dettagli, vere e proprie opere d’arte.

Bakeca.it sarà presente alla fiera con un suo stand e le sue hostess. Veniteci a trovare!

La locandina dell’evento su Bakeca.it

L’estate fa impennare il lavoro temporaneo

Le agenzie registrano un aumento delle richieste del 5% sul 2009: questa è la novità che viene dai dati registati da Adecco, Metis e Kelly Services.

In particolare sembra che sia proprio l’arrivo dell’estate a far entrare in fermento il mercato del lavoro temporaneo: l’offerta delle aziende (nel commercio, nei servizi, e più in generale in quei settori dove non ci si ferma mai o dove è centrale la ciclicità come il turistico alberghiero) si impenna, facendo riscontrare picchi fino al 30% in più, a seconda del profilo professionale richiesto.

Le più attive sul fronte della ricerca di personale per l’estate, sono proprio le agenzie di fornitura di lavoro temporaneo che, nel Nord Ovest, registrano un incremento medio delle richieste di quel prezioso 5% .

Anche Bakeca.it conferma questo trend di crescita: nello scorso mese le offerte di lavoro postate nel nostro sito di annunci sono aumentate del 34% rispetto all’Aprile del 2009. E non a caso le maggiori figure più richieste sono estetiste, bagnini, animatori, pizzaioli, camerieri, recepionist ed istruttori di discipline sportive. Professioni insomma che vanno a braccetto con la stagione estiva. Seguono a ruota il settore dei trasporti che ha un incremento del 16% e quello degli operatori telemarketing con il 13%.

Tornano a calare le vendite di auto in Europa, ma l’usato resiste

Si sgonfia ad aprile il mercato dell’auto in Europa. Secondo i dati dell’Acea, l’associazione europea dei produttori di auto, le immatricolazioni in Europa nel mese scorso sono scese del 7,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, mentre le immatricolazioni dell’Europa Continentale (che include i Paesi EFTA) sono scese del 6,9%.

Questa contrazione, mette in edidenza il Cenro Studi Promotor, si riflette anche nel consuntivo del primo quadrimestre. Il bilancio del primo trimestre, infatti, si era chiuso in salita del 9,5% grazie agli incentivi ancora in vigore in alcuni paesi europei.

Dunque il mercato dell’auto ha ceduto in seguito al finire delle spinte governative che tanto hanno fatto per aiutare un settore in crisi. La festa è finita e il settore ne risente.

In particolare le auto a marchio Fiat sono diminuite del 28,5% a 71.637 unità (quota calata al 6,1% dall’8%), le Lancia sono calate del 16,1% a 9.170 unità (quota passata allo 0,8% dallo 0,9%) e quelle del marchio Alfa Romeo del 24,8% a 7.714 unità (allo 0,7% dallo 0,8%).

Riguardo agli altri grandi costruttori europei ci sono anche delle contro-tendenze: ad aprile sono aumentate dell’1,6% le vendite del gruppo Peugeot-Citroen a 161.603 unità (quota al 13,8% dal 12,6%) mentre quelle della Renault sono balzate del 9% a 121.312 unità (quota al 10,4% dall’8,8%).

Va segnalato inoltre il rialzo del 39,6% di Nissan, che ad aprile ha venduto 32.478 unità con una quota migliorata al 2,8% dall’1,8%. Bene anche Bmw (+13,4% a 63.370 unità con la quota migliorata al 5,4%).

Se però il mercato delle auto nuove è in calo, non si può assolutamente dire per quanto riguarda il trend del mercato dell’usato: come registrato da Bakeca.it le ricerche di auto usate sono aumentate del 32%, mentre la quantità di annunci inserita è salita del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Come Vestirsi per un Colloquio di Lavoro in Ufficio

“L’abito non fa il monaco” lo diciamo tutti, ma sappiamo anche che in alcune occasioni anche l’occhio vuole la sua parte, e talvolta è una parte abbastanza grande.

Per i più giovani e non è ormai una routine il doversi presentare ad una serie infinita di colloqui di lavoro, magari nella speranza di ottenere quel tanto sognato posto che si desidera.

Ma sappiamo com’è più consono vestirsi ad un colloquio per fare una buona impressione?

Per le donne è fondamentale fondamentale evitare tutto ciò che dà nell’occhio, come: scollature troppo profonde, gonne troppo corte, colori troppo accesi, miscugli di fantasie e accessori sgargianti, makeup troppo carico. Invece l’ideale un abito composto, dalla linea semplice e colori scuri (si può anche optare per un pantalone dalla linea semplice, ma mai troppo maschile!)

Per gli uomini, è importante avere la barba e i capelli ben curati per evitare l’aspetto trascurato, che per un colloquio di ufficio sicuramente non è un punto a favore. Riguardo all’abbigliamento, un completo con giacca e camicia è l’ideale.

Se sei interessato all’argomento puoi approfondire i vari stili di “look” più adeguati per donne ed uomini leggendo il post di Consigli Look.

Registrare i contratti di affitto online: come fare

Dovete registrare un contratto di affitto o di locazione e già pensate alle sterminate code agli uffici dell’Agenzia delle Entrate che sarete costretti a fare? Niente panico, da oggi è possibile registrare i contratti di affitto online. Come?

Innanzitutto è necessario entrare e registrarsi al sito www.agenziaentrate.it o recarsi direttamente ad un Ufficio dell’Agenzia delle Entrate per ottenere l’abilitazione ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

Una volta effettuata la registrazione, bisogna compilare i moduli in rete: il programma calcolerà automaticamente l’importo delle tasse dovute per la registrazione del contratto. Infine l’utente dovrà fornire un numero di conto corrente su cui effettuare il prelievo. Fatto!

Ricordatevi comunque che le regole tradizionali rimangono comunque valide: anche in questo caso infatti il contratto di locazione deve essere registrato entro un mese dalla data in cui è stato stipulato.

L’importanza della visibilità dei propri annunci di lavoro

Un video veramente interessante ci mostra un modo originale e innovativo per trovare lavoro usando in maniera intuitiva i risultati di ricerca su Google. L’autore (Alec Brownstein) ha infatti ha usato Google Adwords per contattare potenziali datori di lavoro.

Il meccanismo (segnalato da Italianinfuga.com) è stato molto semplice: per prima cosa ha identificato le aziende e i relativi datori di lavoro di New York per le quali avrebbe voluto lavorare (tutte nel settore pubblicitario).

Poi ha pubblicato un Adword scrivendo al suo interno il nome del datore di lavoro e indirizzandogli una frase accattivante. Ad esempio:

“Hey, Ian Reichenthal. Googling yourself is a lot of fun. Hiring me is a lot of fun, too”

(“Ciao, Ian Reichenthal. Fare ricerca su Google usando il tuo nome è divertente. Assumermi è altrettanto divertente.”)

Nel momento che Ian Reichenthal ha fatto una ricerca su Google usando il proprio nome (capita spesso che qualcuno digiti le sue generalità alle volte per pura curiosità) è apparso proprio il messaggio Adword di Alec Brownstein che gli chiede un lavoro. E ovviamente il link all’interno dell’adv ha portato Reichenthal direttamente al sito personale di Alec che infine è stato assunto.

In poche parole Alec Brownstein è riuscito a creare pubblicità per cinque potenziali datori di lavoro, ha ottenuto un colloquio di lavoro con quattro di loro e infine è riuscito ad aggiudicarsi un’offerta di lavoro da due di loro ed ora lavora per Young & Rubicam a New York. Il tutto con il costo di 6 dollari americani.

Un modo decisamente intelligente per dare visibilità ai propri contenuti: in maniera simile anche Bakeca.it dà la possibilità di acquisire più visibilità nella ricerca del lavoro attraverso ad esempio l’annuncio in TopList

6 consigli per chiedere uno sconto sull’affitto di casa

Dovete rinnovare il contratto d’affitto della vostra casa? In un momento di crisi e di lieve abbassammento degli affitti di locazione potrà essere necessario rinegoziarlo. Per questo oggi vi offriamo 10 consigli per prepararsi allo “scontro” con il proprietario di casa per tentare una contrattazione al ribasso.

1 ) Studiare bene il contratto nei minimi particolari: quando e se può essere rivisto (di solito, il canone viene aggiornato ogni anno); quali sono gli obblighi e i diritti in quanto inquilino, con specifico riferimento al pagamento mensile, e quando è possibile lasciare la casa (in genere, servono almeno 6 mesi di preavviso).

2 ) Oltre alla diminuzione dei prezzi al consumo, in alcune città si sta assistendo ad un calo effettivo dei canoni di affitto: l’offerta di immobili è aumentata per via della frenata delle compravendite, la domanda di immobili in vendita è scesa per effetto del clima di generale incertezza generato dalla recessione, dall’aumento della disoccupazione e dei tagli delle retribuzioni operati dalle aziende. Fare riferimento a questo aspetto essenziale nella contrattazione.

3 ) Informarsi sull’offerta esistente nella zona in cui si abita e confrontarli con l’affitto che si paga. È troppo caro oppure al di sotto della media? Questa informazione può diventare l’asso nella manica per supportare e giustificare la richiesta. Meglio ancora: preparare una lista di appartamenti in affitto nella zona, se possibile nel medesimo edificio o isolato, con i rispettivi prezzi.

4 ) Studiare la domanda per sapere quanto si può osare. Se la richiesta di appartamenti in affitto nella zona in cui si abita è debole, il proprietario sa che potrebbe impiegare mesi prima di trovare un nuovo inquilino e quindi sarà più ben disposto a uno sconto.

5 ) Conoscere il padrone di casa: il margine di manovra dipenderà dal peso che i pagamenti mensili avranno sulle sue finanze. Se, ad esempio, il proprietario che ha acquistato l’appartamento lo ha poi affittato per pagare la rata del mutuo col tuo canone mensile, non potrà rischiare di perdere l’inquilino. Il discorso cambia se il locatore ha improvvisamente ereditato l’immobile e decide di affittarlo soltanto perché ha già una casa e non sa che farsene, allora l’affitto come fonte di reddito non sarà per lui così imprescindibile. Ancora diverso il caso di un’impresa che ha una serie di immobili da piazzare, in questo caso – trattandosi di un operatore del mercato – sarà più semplice parlare con lui in termini di domanda e offerta.

6) Tenere sempre presente che esistono altri modi per risparmiare senza abbassare il canone mensile. Ad esempio, si può chiedere al proprietario di provvedere al pagamento di acqua e luce, oppure di cambiare il frigorifero vecchio che consuma troppo. Si può anche migliorare la propria qualità di vita chiedendo un cambio di materasso o un televisore nuovo, oppure quel posto auto o quel ripostiglio che ti farebbero tanto comodo…

In bocca al lupo!