Dopo aver approfondito come creare un sito web con WordPress e come acquistare un dominio internet, in questo articolo vogliamo spiegarti come guadagnare con Google Adsense.

Questo strumento gratuito di Google è utile anche grazie all’analisi dei dati ricevuti con Google Analytics, di cui abbiamo parlato nello specifico approfondimento.
Al termine di questo articolo saprai:

  • creare un account
  • gestire gli annunci pubblicitari
  • utilizzare tutte le funzioni di Adsense

Prima di analizzare le diverse sezioni, scopriamo come e perché Adsense ti aiuta a guadagnare sin dal primo momento in cui il tuo sito è online.

Come creare un account Adsense e perché

Per creare un account su Google Adsense devi necessariamente utilizzare la stessa e-mail che hai utilizzato per creare Google Analytics. In questo modo avrai credenziali univoche. Per registrarsi basta collegarsi alla pagina di creazione di un nuovo account e inserire i dati richiesti (come vedrai, la procedura guidata è molto semplice). Una volta completato l’inserimento dei dati, il tuo account sarà creato.

Schermata della creazione di un account Google Adsense

Grazie a Google Adsense sul tuo sito web saranno pubblicati degli annunci pubblicitari di altre aziende che fanno promozione su Google. Sul tuo sito web quindi compariranno video, pop-up e immagini pubblicitarie di altre aziende.

Ogni 1000 visualizzazioni e/o ad ogni click degli utenti tu guadagni una percentuale. Si tratta di pochi centesimi a click, ma più persone vedranno il tuo sito, maggiori saranno le entrate. Come fare a ricevere visualizzazioni? Un metodo semplice è scrivere articoli per il blog. Se non sai come fare, abbiamo scritto un approfondimento a riguardo.

Quali sono i pro e i contro? Se da un lato più pubblicità permetti di pubblicare sul tuo sito maggiori sono le entrate, dall’altro i banner rendono difficile la navigazione degli utenti e rischi di perdere visualizzazioni perché il tuo sito web è pieno di pubblicità. Ma se riesci a trovare il giusto equilibrio, offrendo agli utenti un’ottima esperienza di navigazione con pubblicità poco invasive, riesci ad ottenere molto.

Nei prossimi paragrafi entriamo nel dettaglio di ogni singola sezione, per aiutarti a capire a cosa servono e come funzionano.

Sezione Pagamenti

Anche se nel menu questa è l’ultima voce, è importante vederla subito. Qui puoi vedere il riepilogo dei tuoi guadagni dal momento dell’attivazione di Adsense e anche il saldo che ti è dovuto.

Per ricevere i pagamenti è necessario verificare la tua identità fisicamente. Nella voce impostazioni, infatti, devi indicare la sede della tua azienda (o il tuo indirizzo fisico). Se non hai un indirizzo fisico, puoi indicare quello del tuo commercialista dove l’azienda ha sede. È fondamentale che sia un indirizzo reale perché Google invierà una lettera per posta ordinaria con all’interno un foglio con un codice. Dovrai poi inserire questo codice per verificare la tua identità: senza il codice non puoi ricevere pagamenti (anche se gli annunci verranno da subito pubblicati).

Il pagamento viene fatto mensilmente se e solo se raggiungi la soglia dei 70€ quindi agli inizi ci metterai un po’ a ricevere il pagamento, ma ricorda che più visualizzazioni riceve il tuo sito web più saranno i guadagni.

Hai un’attività e vuoi promuoverla online con un sito, campagne sui social e su Google? Scopri i nostri servizi Bakeca Strategy: https://www.bakeca.it/info/business/#strategytop.

Sezione Annunci

Questa sezione serve per impostare dove vuoi visualizzare gli annunci pubblicitari sul tuo sito.

Alla voce “Panoramica” puoi visualizzare tutti i siti su cui gli annunci vengono pubblicati (per esempio da uno stesso account potresti gestire più siti web di aziende diverse). Se non modifichi le impostazioni, sarà Google a decidere dove e come pubblicare gli annunci sul tuo sito. In questa sezione, quindi, se crei una nuova unità pubblicitaria, puoi impostare tu i parametri, per esempio se vuoi pubblicità di solo testo all’interno dei tuoi contenuti, solo in fondo agli articoli e/o i banner pop-up. Non ci sono regole da seguire, tutto dipende da come vuoi rendere graficamente il tuo sito web, sempre tenendo conto che troppi annunci rischiano di infastidire gli utenti.

Schermata della sezione di Google Adsense per scegliere dove mostrare gli annunci pubblicitari.

I canali personalizzati e i canali URL servono per creare dei filtri sulle unità pubblicitarie o su URL specifici del tuo sito web e visualizzare il report dei guadagni solo su questi dati. Sono utili se stai facendo un certo tipo di analisi per valutare come ottimizzare i guadagni con il tuo sito web, per esempio pubblicando su un articolo di riparazione automobili solo pubblicità relative a gommisti, meccanici e/o concessionarie.

Sezione Siti

In questa sezione, clicca sul pulsante “Aggiungi sito” e tramite la procedura guidata attivi gli annunci pubblicitari per il sito che selezioni. Se hai dei sottodomini (se non sai di cosa si tratta, ne abbiamo parlato nella guida alla creazione di un dominio), imposta anche questi sotto la voce del dominio principale.

Perché è utile farlo? Perché puoi decidere se pubblicare gli annunci sui sottodomini e/o diversificare i contenuti delle pubblicità. Per esempio, se su bakeca.it non volessimo annunci, ma volessimo guadagnare con Google Adsense sul sottodominio blog.bakeca.it, grazie alle impostazioni che vedremo nella sezione successiva potremmo diversificare dominio principale e sottodominio.

Sezione Controlli per il blocco

In questa sezione, puoi attivare o disattivare i contenuti pubblicitari per il tuo dominio e i tuoi sottodomini. Nel “Centro Revisione annunci” puoi vedere ogni singolo contenuto pubblicitario che viene visualizzato sul tuo sito. Qui puoi bloccare i singoli annunci e controllare anche gli URL degli inserzionisti, per esempio puoi scoprire alcuni tuoi competitor che fanno annunci sul tuo sito. Come fare a bloccarli?

Innanzitutto puoi cliccare sull’icona del cerchio barrato per bloccare la singola immagine, in alternativa nella sezione “Tutti i siti” puoi impostare nella voce “URL inserzionisti” i siti di cui vuoi bloccare gli annunci. È controproducente mandare le persone sui siti dei tuoi competitor, giusto?

Alla voce “Gestisci le categorie sensibili e categorie generali” trovi un elenco di categorie aziendali di cui devi decidere se vuoi le pubblicità sul tuo sito web. Per esempio trovi Abbigliamento, Auto, ma anche Astrologia ed Esoterismo, Farmaci, Nudità… sono scelte strettamente personali che devi fare per ogni sito di cui gestisci le pubblicità. Se le imposti nella sezione “Tutti i siti” le attivi su ogni sito web, in alternativa, cliccando sul dominio o sottodominio di riferimento, puoi impostare diverse scelte.

Sezione Rapporti

Nella sezione “Rapporti” trovi sulla sinistra una serie di filtri per differenziare l’analisi dei dati e dei click che ricevi e, di conseguenza, i guadagni. Ti sono molto utili per impostare tutte le voci dei paragrafi precedenti e di volta in volta ottimizzare le pubblicità che consenti sul tuo sito web.

Per esempio, se scopri che i tuoi utenti cliccano tante pubblicità soprattutto da desktop, puoi disattivare completamente quelle da mobile.

Sezione Ottimizzazione

La sezione “Ottimizzazione” è per utenti esperti; qui puoi impostare gli Esperimenti, cioè dei test e valutare quali annunci funzionano di più sul tuo sito web. Alla fine di un esperimento, Adsense ti consiglia come ottimizzare al meglio le tue impostazioni per guadagnare sempre di più.

Vuoi saperne di più? Potresti fare un corso di formazione!

Queste erano le specifiche di Google Adsense. Vuoi maggiori consigli? Nella nostra sezione dedicata alla formazione trovi tantissimi articoli dedicati alla creazione di siti web e agli strumenti di Google. Se non vuoi perderli, iscriviti alla nostra newsletter.

Hai un’attività e vuoi promuoverla online con un sito, campagne sui social e su Google? Scopri i nostri servizi Bakeca Strategy: https://www.bakeca.it/info/business/#strategytop.

Giada Guerreschi

Credits:

  • cover image: unsplash.com
bakeca
bakeca