La giornata internazionale della donna ricorre l’8 Marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. In Italia questa celebrazione si è tenuta per la prima volta ne 1911.

Ai giorni nostri questa festa  rappresenta un momento ludico e culturale, basti pensare alle feste organizzate nei locali e alle manifestazioni mirate a sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi che pesano ancora oggi sulla condizione della donna.

Dal punto di vista commerciale è un giorno atteso e fortunato per tutti i fiorai, che l’otto marzo riempiono negozi e bancarelle nelle vie più trafficate della città, completamente adornate di mimose. Ma perchè proprio la mimosa?
La scelta del fiore-simbolo per la festa delle donne venne stata fatta nel 1946 dalla Unione Donne Italiane (UDI) che scelse proprio la mimosa, che tra l’altro fiorisce proprio nel periodo della festa. Per due motivi: perché il giallo esprime forza e gioia ma perché anche il giallo rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e ricorda le donne che si sono battute per la nascita di un mondo giusto.
Il giorno dell’otto marzo si ricorda quindi la forza, la femminilità e la bellezza di tutte le donne del mondo, e le città si riempiono di giallo.

bakeca
bakeca