Breve guida alla busta paga: cos’è e come leggerla

Se siete lavoratori dipendenti, ogni mese vi arriverà la fatidica busta paga.
Che sia cartacea o digitale, non potete fare a meno di aprirla con trepidazione, in attesa di scoprire la cifra del vostro stipendio. Ma alla vista di tutti quei numeri, codici e colonne, vi fate cogliere dallo sconforto: cosa vogliono dire?


Non preoccupatevi! Saper leggere una busta paga non è scontato, sia per chi si è appena affacciato al mondo del lavoro, sia per chi ha già maturato esperienze. In questo articolo cercheremo di offrirvi una breve guida per orientarvi al meglio nella comprensione del documento.


La busta paga (o cedolino) è una sintesi di tutte le informazioni essenziali legate al contratto di lavoro. Ogni mese il titolare dell’impresa in cui state prestando servizio, infatti, è tenuto a fornirvi un documento con tutte le voci della vostra retribuzione, oltre allo stipendio vero e proprio.

Secondo la normativa vigente, non esiste un unico modo per strutturare la busta paga. Tuttavia, per essere considerato valido, il cedolino deve contenere alcune informazioni obbligatorie, come i vostri dati identificativi o quelli del datore di lavoro.


Ma andiamo con ordine, dall’alto verso il basso; la busta paga può essere suddivisa in tre macro-sezioni:

1. Parte iniziale


È l’intestazione che contiene sia i vostri dati anagrafici, che quelli dell’azienda per cui lavorate. Per quanto riguarda quest’ultima, vanno indicati:

  • ragione sociale, codice fiscale e partita IVA del datore di lavoro
  • indirizzo e sede legale dell’azienda
  • posizioni assicurative (INAIL) e previdenziali (INPS) dell’azienda

Sempre in questa sezione, troviamo anche il mese di retribuzione e i vostri riferimenti contrattuali, dunque:

  • data di assunzione
  • eventuale data di cessazione del contratto
  • CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) di riferimento
  • qualifica e mansioni
  • livello retributivo
  • tipologia di contratto

Infine, vengono inseriti i diversi elementi che andranno a comporre il vostro stipendio lordo, come:

  • paga base, definita dal CCNL
  • contingenza, un’indennità introdotta per adeguare la retribuzione al variare del costodella vita (ormai fissa)
  • E.D.R (Elemento Distinto della Retribuzione)
  • eventuali scatti di anzianità

2. Corpo centrale, o voci di retribuzione

La parte centrale della busta paga è dedicata a tutte quelle voci che determinano l’importo lordo finale, in base ai giorni e alle ore effettive di lavoro. Sì, è proprio qui che troverete gli straordinari che vi sarà capitato di fare, insieme a:

  • ore ordinarie di lavoro
  • lavoro supplementare
  • lavoro festivo, notturno o domenicale
  • eventuali ferie godute
  • tredicesima e quattordicesima mensilità
  • eventuali bonus

3. Parte finale, o dati previdenziali

Oltre allo stipendio netto, la sezione conclusiva del cedolino indica le ritenute del datore di lavoro, che consistono principalmente in trattenute previdenziali e fiscali:

  • INPS e INAIL, i versamenti obbligatori che sia i lavoratori che i titolari sono tenuti a pagare per i trattamenti pensionistici
  • IRPEF, le tasse che i lavoratori pagano su aliquote proporzionali al loro reddito lordo annuo

Per concludere con:

  • TFR (Trattamento di Fine Rapporto) maturato
  • eventuale assegno per nucleo familiare
  • cifra dello stipendio netto

Se siete arrivati fino alla fine di questa breve guida alla busta paga, la prossima volta che ne riceverete una sarà tutto più semplice!

E se siete alla ricerca di un lavoro, vi suggeriamo di dare un’occhiata qui:


Non avete ancora un curriculum da presentare?

Non temete! Abbiamo pensato anche a questo: Curriculum Vitae: guida pratica per creare un cv moderno e vincente

Luisa Zhou

Credits:

  • cover: unsplash.com

Ti è Piaciuto l'articolo? Condividilo sui social:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

4 risposte a “Breve guida alla busta paga: cos’è e come leggerla”

  1. Buongiorno, suggerisco di fare anche vedere una busta paga, mi così non si rendono conto. Vi ringrazio e saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani connesso

Leggi anche:

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER