I vantaggi che comporta l’acquisto di un’auto ecologica sono tantissimi e facilmente intuibili: la riduzione delle emissioni inquinanti, il minor costo del carburante, la presenza di incentivi statali per l’acquisto e la maggiore durata del motore senza aumentare la manutenzione dell’auto.

Tutti questi fattori confermano il risultato dello studio condotto da Deloitte Global Manufacturing Industry Group, secondo cui l’85% degli automobilisti intervistati ritiene che la comodità di ricarica, l’autonomia e il costo di ricarica siano ragioni estremamente  importanti per considerare l’acquisto o il noleggio di una vettura elettrica, considerata, nel mondo, la vettura green per eccellenza.

Gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche, nel nostro Paese, sono arrivati in ritardo rispetto al resto dell’Europa e il motivo è legato principalmente al fatto che il mercato dell’auto elettrica in Italia è inesistente. Nello specifico gli incentivi saranno scaglionati in un arco di tempo di quattro anni: fino a 5mila euro nel 2012, 3mila euro nel 2013, 2mila euro nel 2014 e 1000 euro nel 2015. Inoltre per finanziare il cambio di tecnologia senza alterare le voci del bilancio pubblico, il Parlamento ha deciso, nel mese di Agosto, di ricorrere a una tassa di 1,5 centesimi sulle bottiglie di plastica. Una lotta agli sprechi volta a combattere il danno ambientale e favorire una mobilità urbana ecologica.

Il conto alla rovescia è iniziato anche per il prezzo. Infatti, se fino ad oggi si è rivelato proibitivo, favorendo la ricerca di auto ecologiche usate, potremmo assistere ad una considerevole riduzione dei prezzi in futuro grazie agli incentivi e alle stategie che renderanno l’auto elettrica uno status symbol vero e proprio.

bakeca
bakeca